Utente Password   Registrati qui Password dimenticata?  

Monte Canto Alto dal Colle della Maresana

Dislivello: +566 da Colle Maresana (580m) a Monte Canto Alto (1146m)

Del Canto Alto ne avevo già letto e sentito parlare: ’La montagna dei bergamaschi’, quella più vicina e a portata di piede da Bergamo.

Di sentieri per arrivarci ne esistono vari. Ho scelto quello che parte dal bel colle della Maresana e volendo fare un giro ad anello ho deviato dal sentiero principale per andare verso Olera e risalire prima verso il Canto Basso e quindi procedere sulla panoramica cresta verso il Canto Alto.

Parcheggiata l’auto ho imboccato il sentiero che parte di fronte alla trattoria Maresana, il CAI n. 533, che inizialmente è asfaltato ma dopo poche centinaia di metri s’inerpica sulla destra attraversando un bosco di castagni e querce.
Si sale sino ad incontrare una strada asfaltata in località Croce dei morti.
Quindi procede verso nord sino alla località Ca’ del latte e qui si prende il sentiero di destra che porta al piccolo borgo medioevale di Olera.
Il sentiero si allarga e costeggia il lato orientale del Monte Solino sino ad arrivare al bel punto panoramico dove si ammira Olera e la Val Diebra; ora la discesa si fa ripida fino ad arrivare ad un bivio, si prende il sentiero CAI 532/A che risale sino alla Forcella del sorriso. Qui si prosegue lungo il sentiero CAI 533 che attraversando la Val Braghizza arriva sulla dorsale del Canto Basso, da qui si può ammirare il vario panorama, a Nord la Valle Brembana ed a Sud/Est la Valle Seriana.
Si prende il Sentiero 301 verso sinistra e si segue un bel tratto panoramico che in 40 minuti ci conduce al Canto Alto.
Il terrazzo a 360° ci ricompensa ampiamente della salita e ci offre un bellissimo panorama,
dal Resegone alle Grigne, dalle cime delle prealpi Orobiche sino alla Presolana e alle cime Bresciane.

Al ritorno, circa a metà del percorso che riconduce al Canto Basso, alle ‘Stalle di Braghizza’, si prende sulla destra il ripido sentiero 302 che scende verso la Forcella del sorriso e poi si segue il n° 533 che scendendo dolcemente ci riporta alla Maresana.



Commenti